La Valle senza Ritorno

Marque Bretagne

La Valle senza Ritorno

Uno straordinario sito naturale, regno della fata Morgana

Escursionisti, tenetevi pronti per una pericolosa avventura!

Non lontano dal piccolo borgo di Tréhorenteuc, questa valle scavata nella roccia porpora è ugualmente conosciuta come Valle pericolosa o Valle dei falsi amanti. Quanto basta per dissuadere più di un visitatore! Eppure i sentieri della Valle senza Ritorno sono molto frequentati, e il motivo risiede sicuramente nella bellezza e nella magia dei luoghi.

La roccia dei falsi amanti

La Valle senza Ritorno è conosciuta soprattutto come il regno della fata Morgana. Sorellastra di re Artù, Morgana conosce la magia di Merlino. Percorre spesso la Valle senza Ritorno, aspettando con impazienza la visita del cavaliere Guiomar di cui è follemente innamorata. Un giorno Morgana sorprende il suo amato in compagnia di una giovane donna. Presa dalla rabbia, la fata si vendica e pietrifica i due amanti sulla cresta della Valle.
Le due pietre, legate l’una all’altra, formano la Roccia dei falsi amanti. L’ira di Morgana non si ferma qui. Volendo condannare gli infedeli nel corpo e nella mente, lancia una maledizione su tutta la Valle: quando la attraversano, gli sventurati si ritrovano rinchiusi per l’eternità senza la nozione del tempo e dello spazio. Fu Lancillotto del Lago, valoroso cavaliere fedele ai giuramenti d’amore fatti alla regina Ginevra, a rompere l’incantesimo, costringendo Morgana a liberare i prigionieri. Ma chissà se la potente fata non infligga ancora oggi la sua punizione…

Lo Specchio delle fate

All’entrata della Valle senza Ritorno, la superficie immobile dello Specchio delle fate sembra annunciare il confine fra sogno e realtà: qual è il dritto e qual è il rovescio?

La distesa d’acqua situata nel fondo della valle, un tempo serviva ad alimentare un mulino. Le sue acque «vive e limpide come l’argento» si narra abbiano fatto da dimora a 7 fate, tutte sorelle. Un giorno, spinta dalla curiosità, la più giovane di loro si avvicina a un umano e se ne innamora follemente. I due amanti vivono segretamente dei momenti felici fino a quando le fate scoprono la loro storia e decidono di vendicarsi. Come avrete capito le fate possono dimostrarsi spietate a volte! Ma se vi affacciate sulla superficie dello Specchio delle fate, forse scorgerete i loro volti…

L’albero d’Oro

Collocato sul fondo della Valle senza Ritorno, nel comune di Paimpont, l’Albero d’Oro è un’opera d’arte realizzata da François Davin nel 1991. Nel 1990 un terribile incendio ha devastato più di 400 ettari di lande. L’albero, coperto da vere foglie d’oro, simboleggia la rinascita della foresta, ma anche il suo carattere fragile e prezioso. È inoltre circondato da 5 alberi carbonizzati che rappresentano la scomparsa della natura.

 

La sedia di Merlino

Sulle alture della Valle senza Ritorno c’è una bizzarra cresta di scisto venata di quarzo. Si tratterebbe della spina dorsale di un drago o della sedia di Merlino…

ACCESSO

  • Per accedere alla Valle senza Ritorno dovete attraversare il grazioso paesino di Tréhorenteuc. Altra possibilità per uscire dai sentieri tradizionali è quella di partire dall’hotié di Viviana.
  • Nel periodo di caccia (dal 30 settembre al 30 marzo), la Valle senza Ritorno è chiusa al pubblico. 

Accessibilità

  • Il sito è accessibile alle persone con mobilità ridotta.
  • È possibile noleggiare un marsupio per i bambini in tenera età presso l’Ufficio del turismo (7€ per l’intera o la mezza giornata). Potete prenotarlo contattando l’Ufficio del turismo.

Scaricate la mappa dei luoghi e dei sentieri leggendari

Galleria foto

Brocéliande - le Val sans Retour et l'Arbre d'Or Val sans Retour Val sans Retour - étang du Miroir aux fées @Philippe Manguin Val sans Retour - Panorama Val sans Retour - landes Val sans Retour - Rocher des Faux Amants Balade contée - Val sans Retour et étang du Miroir aux fées Balade contée - Arbre d'Or Balade contée - Val sans Retour l'Arbre d'Or

Nei dintorni